Julie Simard / Henri de Villamont Chambolle Musigny 1er Cru Les Baudes 2010 / Henri de Villamont

Esattamente due anni fa ho avuto la fortuna di partecipare a Les Grands Jours de Bourgogne, un evento biennale che in 5 giorni riesce a raccontare il patrimonio vitivinicolo dell’intera Borgogna. E’stata un’esperienza fantastica, ogni giorno facevo una tappa diversa per scoprire varie zone e denominazioni, clos e climats, e tra degustazioni ufficiali la cosa più bella è stata visitare le cantine. Una di queste è Henri de Villamont dove ho conosciuto Julie che dopo tutto questo tempo si è ricordata di me ed è stata gentilissima di rispondere alle tre domande di wineterview. Anche se quest’anno seguo Les Grands Jours de Bourgogne da casa, per un momento mi sono immaginata di trovarmi lì, in quella terra che nonostante la fama e la reputazione mi ha colpito con la sua elegante modestia e semplicità.

  • Who: Mi chiamo Julie Simard, sono nata a Beaune in Borgogna 27 anni fa. Dopo aver vissuto per un po’ all’estero, sono tornata nella mia regione nativa per finire gli studi di Commercio Internazionale ed iniziare la mia carriera professionale. La mia passione e curiosità per il vino l’ho avuta da sempre, grazie ai miei genitori e a mio zio che aveva un vigneto a Meursault. E’ stato naturale per me scegliere il mestiere. Lavoro per Henri de Villamont (Savigny les Beaune) da 5 anni e sono responsabile per il mercato Europeo. Adoro il mio lavoro perché è vivo, dinamico e sempre diverso come il vino. Sono amante del vino rosso, anche se nella mia cantina personale tengo di tutto. Mi piace allenare il  palato con diversi vini e vitigni provenienti dai vari paesi.
  • What’s your wine of the week: Ok, se devo sceglierne solo uno mi rimane difficile! Ma eccolo: Chambolle Musigny 1er Cru Les Baudes. Vintage 2010. Chambolle Musigny è un villaggio situato al sud di Digione, tra Gevrey Chambertin e Nuits Saint Georges. Include 155 ettari di vigneti e 24 diversi Premier Cru. Il climat “Les Baudes” si trova al confine con l’appellation Grand Cru di Bonnes Mares, con un suolo molto ricco. Il vigneto Les Baudes ha 45 anni ed è un esempio di eleganza e  finezza. Il colore è abbastanza chiaro, ma al naso è determinato già al primo impatto con profumi profondi di fragola, lampone, violetta e sottobosco. I tannini sono delicati e integrati. Questo vino è come un pizzo: strutturato, pulito ed elegante. Napoleone lo descriveva come un vino che può sedurre ogni donna e penso che avesse ragione. La vinificazione avviene in modo tradizionale, il vino invecchia 18 mesi in botti di rovere francesi (40% nuove). Questo vino non deve necessariamente essere accompagnato con il cibo ma è perfetto con il piccione arrosto o il Brillat Savarin, formaggio morbido e cremoso .
  • Where: rischio di sembrare sciovinista ma a mio parere i vini della Borgogna sono unici essendo la perfetta espressione del terroir e dell’annata. Sono prodotti da un solo vitigno e provengono da zone ben distinte e classificate. Henri de Villamont produce circa 45 vini provenienti dai diversi appellations, da Chablis a Beaujolais, ma il cuore della gamma si trova in Cote de Nuits e Cote de Beaune. I nostri Grand Cru sono Savigny Les Beaune, Chambolle Musigny e Grands Echezeaux. Compriamo uva anche da diversi produttori che selezioniamo attentamente da anno in anno. Oggi giorno l’80% della nostra produzione la esportiamo all’estero.

Today is the last day of Les Grands Jours de Bourgogne, an extremely important wine event held every other year in Burgundy. In five days whole range of Burgundy wines is presented to the wine traders, journalists and sommeliers from all over the world. The number of participants is limited. I was lucky to attend this special event two years ago and taste all the famous appellations, various crus and vintages. I also managed to visit some wineries. Henri de Villamont was one of them and that is where I met Julie, she seemed so involved and passionate about her job, I felt in love with the whole wine industry that day! I didn’t get to Les Grands Jours de Bourgogne this year, but i did ask Julie for a long distance interview, which she kindly accepted.

english text and more pictures

Marina Kositsina / Poderi Sanguineto I e II Rosso di Montepulciano / Bar Osteria Pit Stop

Primavera è un ottimo momento per passare i weekend esplorando le città e i borghi d’Italia. La Toscana in questo senso è un cofanetto di gemme preziose e Montepulciano è tra le mete più suggestive. Fondata dagli etruschi, dominata dai romani e poi dai senesi nel Medioevo e dai fiorentini nel Rinascimento. La viticoltura da sempre ha fatto parte fondamentale del patrimonio culturale della città, a testimoniarlo, alcune storiche cantine sotterranee collocate dentro le vecchie mura. Le mie visite a Montepulciano finiscono sempre al Bar Osteria Pit Stop che in pochissimo tempo, dopo il cambio di gestione, è diventato un punto di riferimento. Marina, la proprietaria del posto è un altro esempio  di come una semplice curiosità e la voglia di capire il vino può cambiare la vita.

  • Who: Sono Marina Kositsina, nata in Russia e da 15 anni abito in Italia. Vivendo a Roma durante i weekend con mio marito assaporavamo in moto la bellezza incontaminata della Toscana. Ci siamo innamorati subito della zona e abbiamo deciso di trasferirsi. Non indifferente nella decisione è stata anche la mia passione e curiosità per il vino diplomandomi sommelier presso l’Accademia Internazionale Enogastronomi Somelliers di Roma. Qua in Toscana mi sono ritrovata ad avere nel  raggio di 30 km almeno 70 aziende vitivinicole e a quel punto ho capito che la mia storia con la musica (sono musicista diplomata al conservatorio) era finita ed iniziata quella con il vino. Mi sono diplomata anche all’Associazione Italiana Sommelier (AIS) facendo esperienze presso aziende vitivinicole locali, ho creato un blog che parla della grande passione per il vino e ora gestisco il mio proprio locale Bar Osteria Pit Stop.
  • What’s your wine of the week: Siamo nei pressi di Montepulciano in una delle zone di DOCG e DOC italiani più importanti, Rosso di Montepulciano e Vino Nobile di Montepulciano. L’azienda che mi sta più a cuore è Poderi Sanguineto I e II. La produttrice, Dora Forsoni è una donna fantastica che da almeno 40 anni vive in vigna e porta avanti l’azienda ereditata dal padre. I vigneti sono molto vecchi e curatissimi, in cantina la vinificazione avviene in maniera tradizionale  con uso di botti grandi di rovere e di Slavonia, l’affinamento è più lungo rispetto ad altri produttori. Tutto questo per ottenere classico Vino Nobile di Montepulciano. Particolare cura è dedicata anche alla produzione del Poderi Sanguineto I e II Rosso di Montepulciano DOC. Il vino per me è una bevanda da tutti giorni e questo è un ottimo vino per seguire  questa mia filosofia.
  • Where: Bar Osteria Pit Stop, saputo della possibilità di poterlo prendere in gestione, abbiamo riunito la famiglia di mio marito ed iniziato questa nuova avventura. Amiamo tutti la buona cucina, mio suocero, romano DOC  è un ottimo cuoco, io sono sommelier, i conti quadravano e abbiamo deciso di provarci. La nostra cucina è tradizionale toscana con un accento romano, come pasta all’amatriciana, alla gricia, pici cacio e pepe, coda alla vaccinara. Eravamo indecisi di inserire questi piatti nel menu, ma alla fine sono quelli che piacciono di più e gli stessi locali vengono da noi per mangiare qualcosa di diverso.

English summary. Spring is a perfect moment to travel across Italy and explore its countryside and its small  towns, villages, hills and vineyards. Tuscany in this sense can be compared to a casket full of treasures and Montepulciano is one of the most suggestive locations. If you are around Montepulciano someday and look for a restaurant off touristic route please consider Bar Osteria Pit Stop few kilometers away from the center. This family managed restaurant proposes Tuscan menu with a roman fusion, so next to the traditional homemade pasta and Chianina stake you will find pasta all’amatriciana, pici cacio e pepe, coda alla vaccinara and other dishes cooked by a roman chef. Marina the co-owner and a sommelier of the place have selected the most traditional and terroir oriented wines from the local producers. The wine she is completely in love with is Poderi Sanguineto i e II Rosso di Montepulciano DOC. “Wine is an everyday pleasure and shouldn’t be saved for only special occasions, Rosso di Montepulciano  suits this philosophy 100 %”.

more pictures

Moreno Cardone / Podere Assolati Montecucco Sangiovese DOCG / L’Uva e il Malto

Oggigiorno, quando tutto cambia in un batter d’occhio ed i locali aprono e chiudono con una frequenza incredibile, è bello avere un punto di riferimento, un ristorante dove la qualità ed il servizio è sempre una costante. E’ come quando prenoti un tavolo da L’Uva e il Malto e sai già che la serata non può essere altro che speciale. Un ambiente elegante e raffinato ma allo stesso tempo amichevole e rilassante, una cucina di qualità con una cantina sempre aggiornata e mai banale. Lo chef, Moreno Cardone apre le porte del suo ristorante a pranzo ed a cena (tutti giorni escluso la domenica), insegna, partecipa ai concorsi, è spesso presente in TV o a fare catering  per clienti od eventi particolari ed in location esclusive. Non ho idea come possa trovare il tempo per fare tutto questo ma certamente l’ingrediente più importante per il suo successo è la passione e l’amore per il proprio mestiere.

  • Who: Mi chiamo Moreno Cardone, sono chef e proprietario del ristorante L’Uva e il Malto a Grosseto. Ho un diploma in elettrotecnica ma fin da subito capii che il mio lavoro sarebbe stato creare qualcosa di ben diverso. Sono chef per passione, durante il mio percorso ho elaborato un concetto che la bontà e la genuinità dei piatti vanno evidenziati con la fantasia e la creatività. Con la mia compagna Samantha al mio fianco, condividiamo un mestiere che richiede tantissimo impegno ma che alla stesso tempo può dare immense soddisfazioni giorno dopo giorno.
  • What’s your wine of the week: Samantha, sommelier di sala è sempre molto attenta  alla carta dei vini che include abitualmente circa 400 etichette, con una buona prevalenza di vini della Maremma. Ci piace proporre  al cliente vino locale: bianchi a base di vermentino o ansonica, rossi (che tendenzialmente il cliente sperimenta anche con il pesce) come il Morellino di Scansano o Montecucco. Una delle nostre cantine preferite è Podere Assolati, una piccola azienda situata nella zona del Monte Amiata al confine con il territorio del Brunello di Montalcino. Podere Assolati Montecucco Sangiovese DOCG è un sangiovese in purezza, vino morbido e rotondo, con un rapporto qualità/prezzo difficilmente riscontrabile. E’ facile proporre  vini importanti e costosi, ma secondo noi è importante saper consigliare ai clienti  vini di qualità  a prezzi accessibili.
  • Where: Ristorante L’Uva e il Malto è situato nel centro storico di Grosseto. Aperto da 10 anni, gli ultimi 5 è elencato nella guida Michelin ed in tutte le guide dei migliori ristoranti italiani. I nostri prodotti di punta sono Cinta Senese, Chianina e la selvaggina di stagione ma non è un segreto che L’Uva e il Malto è più conosciuto ed amato dalla clientela per la cucina a base di pesce: pescato locale, quello che propone il mercato del giorno. E per definire ogni piatto usiamo olio extra vergine di oliva toscano di qualità, un aspetto importante che non va trascurato.

English Summary. Once in a while, when I am into having an elegant (or romantic) dinner, I book a table at L’Uva e il Malto restaurant in Grosseto (Tucany).  Moreno Cardone is a famous local chef, specializing in seafood cuisine, and is in the Michelin guide for restaurants 5 years running.  Every day he picks the freshest, wild caught fish from the local market and then like a master in the kitchen creates delicious, “eat with your eyes” dishes and is quite literally art on a plate.  For those who prefer meat are not disappointed, as Moreno works with Cinta Senese (a local pig breed), Chianina (Chianti veal) and local Maremma (Southern Tuscany) game meats. The wine list holds about 400 labels: local and Northern Italian whites, 60 different sparkling wines and Champagne’s, and of course reds!  The notion that red wine only pairs with red meat does not apply here, as diners are often seen drinking reds with seafood.  Moreno loves to promote local wines such as Podere Assolati Montecucco Sangiovese DOCG, rounded, smooth, and excellent value for money. “It’s easy to offer expensive wines, but in my opinion every restaurant should be able to offer their clients really good but in the same moment affordable wine”, says Moreno. I totally agree!

more pictures

Riccardo Talenti / Talenti Brunello di Montalcino 2011 / Benvenuto Brunello 2016

Ricordo bene la prima esperienza al Benvenuto Brunello, era esattamente un anno fa, il giorno prima del mio esame finale AIS. Immaginate che ansia? Conoscendo pochissimi produttori e non avendo una base di paragone, mi sono un pochino confusa già dopo il quinto assaggio, ma almeno una cosa mi era chiara: il 2010 era un vino troppo presto da bere e apprezzare al massimo, come un diamante grezzo che deve essere tagliato e lucidato, quel vino aveva bisogno di passare qualche anno in bottiglia. Il 2011 invece è differente, ed è bello notare queste differenze, è caldo, avvolgente e pronto (!!!), pronto per goderlo quasi da subito. Parola di Riccardo Talenti.

  •  Who: Sono Riccardo Talenti dell’ Azienda Agricola Talenti, situata in Sant’Angelo in Colle nel versante sud di Montalcino. Fondata nel 1981 da mio nonno Pierluigi Talenti, oggi si estende per una superficie di 40 Ha tra cui 21 vitati e produce circa 100.000 bottiglie all’anno. La mia prima vendemmia in azienda è stata nel 1999, una partenza fortunata essendo stata una bellissima annata. I nostri vini sono  Rosso di Montalcino, Brunello di Montalcino, Brunello di Montalcino Riserva e due vini IGT: Trefolo a base di sangiovese, syrah e canaiolo e Rispollo, un blend di  cabernet, merlot e petit verdot.
  • What’your wine of the week: Talenti Brunello di Montalcino Trentennale 2011, il vino che festeggia i primi 30 anni di produzione. Ha fatto un invecchiamento di 30 mesi: 60 % in tonneau francese  da 500 litri e 40% in botti di Slavonia di media pezzatura dai 15 ai 20 ettolitri. 2011 è stata un’annata molto calda, quindi il vino è marcato da una forte alcolicità ma nello stesso tempo supportata da una buona acidità e tannini molto dolci e maturi, quindi già pronto da bere.  Si presume un vino di medio-lungo invecchiamento. Potrebbe andare avanti nel tempo per 10-15 anni.
  • Where: Benvenuto Brunello è una manifestazione che ha trovato finalmente la sua collocazione definitiva negli spazi recuperati di un vecchio convento. Un evento organizzato dal Consorzio del Vino Brunello di Montalcino che quest’anno festeggia il 50° anniversario del riconoscimento della DOC al Brunello di Montalcino, una data storica e importante per la città e per lo sviluppo del brand di Brunello nel mondo.  Nell’arco di 4 giorni (10-22 Febbraio) i produttori hanno presentato Brunello di Montalcino 2011, Brunello di Montalcino Riserva del 2010 e Rosso di Montalcino 2014, mentre il consorzio ha annunciato l’assegnazione di 5 stelle all’ultima vendemmia 2015 – bellissima notizia per concludere la settimana delle Anteprime Toscane.

English summary. Last weekend, (19-22 February 2016) the Benvenuto Brunello event has concluded the Anteprime Toscane, 10 days of Tuscan wine marathon exhibition held each year to present new wines to the market. During the official opening ceremony the maximum rate of 5 stars was assigned to the 2015 vintage, meanwhile the producers presented Brunello di Montalcino 2011, Brunello di Montalcino Riserva 2010 and Rosso di Montalcino 2014: 5, 4 and 3 star vintages respectively. I have tasted a lot of beautiful wines and met their producers in person, but I had to choose only one for my interview and I thought Riccardo Talenti from Talenti winery would be the right one as they just released Talenti Brunello di Montalcino Trentennale 2011 celebrating its 30th vintage (30 years from being released for the first time). It is a full-bodied and ready to drink wine as the tannins are already ripe and soft, but you still could keep it 10-15 years in your cellar if you can resist.

more pictures

Simone Abram / Il Macchione Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2009 / Anteprima Vino Nobile di Montepulciano 2016

Finalmente è arrivato il periodo delle Anteprime Toscane, un momento intenso per i produttori e gli operatori del settore. Un duro lavoro, anche se potrebbe non sembrare tale, ma anche un’occasione per incontrare clienti e colleghi, creare nuovi contatti, conoscere personalmente i produttori ed assaggiare (in primis e per primi!!!) le nuove annate. Nell’occasione dell’anteprima del Vino Nobile di Montepulciano e del suo 50° anniversario DOC,  certamente non poteva mancare un’intervista con uno dei produttori:

  • Who: Sono Simone Abram e insieme alla mia famiglia portiamo avanti una piccola produzione di vino Nobile di Montepulciano. Siamo di origine trentina, nel 2005 ci siamo trasferiti in Toscana e abbiamo fondato l’azienda Podere Il Macchione. Da quel momento è iniziata la nostra avventura con il sangiovese. Siamo artigiani del vino, il nostro prodotto lo costruiamo in campagna, prendiamo quello che ci da la natura con l’obbiettivo di produrre un vino naturale, vivo, con propria identità e carattere. I nostri vini sono prodotti al 100 % da uva Sangiovese, un vitigno marcato dal tannino potente e acidità alta, che da i vini longevi, profumati e persistenti. 
  • What’s your wine of the week: sono follemente innamorato di Podere Il Macchione Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2009, un’annata da ricordare che con il passare del tempo dimostra di evolversi in modo interessante. Per produrlo selezioniamo le migliori uve di un vigneto collocato nella parte collinare più alta dell’azienda. Il vino viene invecchiato nei tonneau francesi da 500 litri di secondo e terzo passaggio, lavorato in riduzione, travasato meno possibile, con aggiunta minima di solforosi. La scelta aziendale di affinamento lungo 40 mesi ci porta grandi soddisfazioni. Dopo l’imbottigliamento diamo la possibilità al vino di ambientarsi e armonizzarsi ancora. Ed eccoci qua dopo quasi 7 anni di pazienza abbiamo un vino che al naso manifesta i profumi di frutta matura, note floreali e speziate. In bocca è morbido, elegante con freschezza incredibile e tannino finalmente domato.
  • Where: Splendida Fortezza di Montepulciano, luogo storico della città che continua di vivere ed attirare la gente con eventi importanti come Anteprima del Vino Nobile di Montepulciano, organizzata e promossa dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano. Quest’anno (13-14-15 febbraio), 44 produttori hanno presentato il Nobile 2013 e la Riserva 2012, annate da 4 e 5 stelle rispettivamente. Anche all’ultima vendemmia 2015, la commissione di degustazione ha assegnato al primo DOCG italiano (dal 1980) il massimo punteggio 5 stelle.

English summary. It’s Tuscan Anteprima’s time finally! An intence week for those who work in the wine business but also a great opportunity to meet collegues, like minded enthusiasts, producers and be one of the first people to taste new, just released vintages. Last weekend (13-14-15 February) during Anteprima di Vino Nobile di Montepulciano 2016 44 producers presented  Vino Nobile di Montepulciano 2013 and Vino Nobile di Montepulciano Riserva 2012, rated 4 (excellent) and 5 (outstanding) stars respectively. According to the production regulation, Vino Nobile di Montepulciano must contain at least 70 % of Sangiovese and undergo an aging period of at least two years. Podere il Macchione produces 100% Sangiovese wine and ages it two years longer than requested. Simone Abram, the winemaker explaines why: “Sangiovese is a grape that tend to exhibit high acid and firm tannins, if you don’t blend it with other grape variaties you better get some more patience because it needs more time to equilibrate”. Their Vino Nobile di Montepulciano 2009, after 40 month in french oak tonneau and 3,5 years in the bottle, is rich in ripen fruit aromas, floral and spicy notes, it is rounded and elegant, the tannins are tamed but the accidity is stll surprisingly vivid. The stock of this vintage is nearly finished, you’d betted hurry up!

more pictures

Adriane Riccato / Luce della Vite Luce 2012 / Wine & Siena part 1

Nel weekend del 30 e 31 gennaio, Siena ha ospitato la prima edizione del Wine & Siena Festival, un evento di grandissimo livello che spero diventi annuale. Un valore aggiunto è stata la location: Palazzo Salimbeni, sede principale del Monte dei Paschi di Siena. I banchi delle degustazioni sono stati allestiti nei quattro piani della Scala Spadolini, nella maestosa Sala Rocca, nella splendida Galleria Peruzziana e in altre stanze arricchite da opere d’arte dal valore inestimabile. Mi è già capitato di visitare questo luogo storico e importante della città mentre studiavo all’Università per Stranieri di Siena, ma credetemi, ritornarci dieci anni dopo come sommelier, wine lover e blogger munita di press pass è stato un piacere immenso.

  • Who: Mi chiamo Adriane Riccato, amo il vino e grazie a questa passione sono entrata a far parte dell’azienda Marchesi de’ Frescobaldi. Sono responsabile marketing del brend Luce.
  • What’s your wine of the week: Luce della Vite è un progetto nato nel 1993 fra due personaggi importanti del mondo del vino: Vittorio Frescobaldi e Robert Mondavi. Hanno voluto creare un vino speciale, diverso, ma strettamente legato alla terra di Montalcino. Così è nato Luce, un blend di sangiovese e merlot (50/50 circa), dove il sangiovese rappresenta l’eleganza e la tradizione ed il merlot porta la morbidezza e l’innovazione. Il vino viene invecchiato in barrique prevalentemente nuove per due anni. Esprime grande potenza, carattere ed eleganza, è molto fruttato con  tannini fini e morbidi. Luce della Vite Luce 2012 è la ventesima vendemmia, per celebrarla è stato creato un packaging particolare, arricchito con l’etichetta serigrafata sulla bottiglia. Contro etichetta è stata firmata da due enologi, Lamberto Frescobaldi  e Tim Mondavi.
  • Where: Rocca Salimbeni, storica sede del Monte dei Paschi di Siena durante il  Wine & Siena festival. Circa 150 aziende vitivinicole, 45 artigiani del gusto, degustazioni guidate, cene e show culinari hanno attirato in questi due giorni più di 2000 appassionati. L’evento è stato organizzato in collaborazione con Merano Wine Festival, una delle manifestazioni più prestigiose a livello europeo, che quest’anno festeggia 25 anni. Lo scopo della manifestazione è di portare nel cuore della Toscana il meglio della produzione d’Italia, promuovendo e valorizzando delle eccellenze vitivinicole e culinarie.

English summary. Last weekend I attended the first edition of Wine & Siena. It was the biggest wine event Siena has seen lately and I hope it will become annual. Over 100 wineries, mostly from Tuscany showcased their wines and new vintages in the beautiful palace of Monte dei Paschi di Siena bank’s head office. Formerly, I was a student of Università per Stranieri di Siena. Being back there, 10 years later as a wine lover and blogger, soaking in the history of this place and receiving a press pass was a real pleasure! At Frescobaldi’s stand I met Adriane Riccato, the marketing manager of Luce della Vite winery. She presented me Luce della Vite Luce 2012, a blend of sangiovese and merlot  from Montalcino. To celebrate its 20th vintage the bottle is engraved with patterns that extend around the artistic labels, and is signed by its creators: Lamberto Frescobaldi and Tim Mondavi, two sons of two protagonists of wine making history of XIX century, Vittorio Frescobaldi end Robert Mondavi who founded Tenuta Luce della Vite in 1993.

more pictures

Andrea Gori / Monteraponi Chianti Classico Riserva Baron’ Ugo / Trattoria da Burde

Sono finalmente riuscita a visitare la storica Trattoria da Burde a Firenze e conoscere di persona Andrea Gori, “sommelier digitale”, organizzatore del God Save the Wine festival, ambasciatore italiano dello Champagne nel 2011 e soprattutto instancabile entusiasta e appassionato di vino. Finito di scrivere questo post chiederò ad Andrea di inserirmi nella lista di attesa per partecipare ad una delle serate a tema che, ogni venerdì all’ora di cena, organizza con il fratello nella Trattoria. Famose  sono le serate “bistecca e Champagne” e ” Sassicaia e Cinghiale”. Sono molto curiosa! Sarà sicuramente un divertimento!

andrea gori, da burde, trattoria da burde, ristorante storico firenze, digital sommelier

  • Who: Andrea Gori, nato a Firenze in una famiglia di ristoratori. Biologo di professione, a trent’anni decisi di occuparmi della gestione della cantina nel ristorante di famiglia Trattoria da Burde. Finito il corso di sommelier, ho cominciato a scrivere sul vino, probabilmente sono stato uno tra i primi a farlo sul web (www.vinodaburde.com) e questo mi ha permesso di diventare un giornalista,  consulente marketing per alcune aziende ed organizzatore di eventi legati chiaramente al mondo del vino.
  • What’s your wine of the week: Nel nostro ristorante abbiamo circa sessanta etichette di Chianti Classico, è uno dei vini preferiti essendo fresco, immediato, profumato e ben abbinabile alla cucina toscana. Molti produttori hanno dimostrato che il Sangiovese del Chianti Classico non è una semplice imitazione del Brunello di Montalcino, ma un vino con una bella struttura e proprio carattere. Un’azienda che piace particolarmente è Monteraponi,  si trova in Radda in Chianti, ad una quota di 470 metri s.l.m.. Monteraponi Chianti Classico Riserva Baron’ Ugo è un vino minerale che ha forza ma anche eleganza. Un Chianti Classico non banale specialmente nelle annate 2006 2007, 2009. Il 2012 è stata un annata molto secca e strana, il vino Baron’Ugo 2012 che esce fra un po’, sarà particolare, completamente diverso, una vera dimostrazione che ogni anno il vigneto esprime la propria personalità. Noi intenditori oltre al gusto standard, cerchiamo e apprezziamo proprio queste particolarità.
  • Where: Trattoria da Burde, nata nel 1901 in una zona periferica di Firenze piena di fabbriche e industrie. Le persone all’epoca faticavano e a pranzo mangiavano tanto. Anche oggi noi continuiamo la tradizione e serviamo pranzi completi. Mi piace questa atmosfera di lavoro, mettiamo a tavola tutti: dal muratore al manager, tutti all’insegna del grande gusto e della qualità. In cucina abbiamo mio fratello Paolo, socio di Alleanza Slow Food, grande appassionato di cucina toscana, ricercatore di vecchie ricette ed ingredienti dimenticati. La carta dei vini, specializzata sulla Toscana e Champagne, riesce a soddisfare tutte le esigenze.

English summary. Andrea Gori is a sommelier, blogger, journalist, God Save the Wine festival organizer and above all tireless wine enthusiast. Together with his brother Paolo he runs The Historic Florentine Restaurant Trattoria da Burde. Authentic Tuscan menu, impressive wine list (only Tuscany and Champagne) and vintage interior decoration make this place special and worth visiting. The wine that goes well with tuscan cuisine is obviously Chianti Classico! One of the favorites is Monteraponi Chianti Classico Riserva Baron’ Ugo, full bodied, elegant wine that expresses the territory of Chianti Classico in the best way.

more pictures

Roberto e Francesco Cerea / San Polo Brunello di Montalcino 2009 / Lounge Classico Italia Pitti Uomo

Firenze è da sempre una capitale dell’arte, un centro di attrazione per pittori, artigiani, stilisti e per i grandi eventi come Pitti Uomo che settimana scorsa ha invaso la città per l’89° volta. Lo stile italiano non ha limiti ne confini, non solo nella moda, ma in tanti altri settori, come quello gastronomico. Questa conferma ancora una volta è stata espressa meravigliosamente dal team del ristorante Da Vittorio di Brusaporto, Bergamo che da otto anni gestisce il catering all’interno del padiglione centrale della fiera, dove vengono presentate le collezioni delle più prestigiose aziende italiane di moda.

da vittorio, da vittorio brusaporto, roberto cerea, francesco cerea, pitti uomo, catering pitti uomo, da vittorio catering, 3 stele michelin italia, club classico italia

  • Who: Roberto e Francesco Cerea, rispettivamente lo chef ed il responsabile della cantina del ristorante Da Vittorio di Brusaporto (BG), con riconoscimento di 3 stelle Michelin e altre guide prestigiose. Un ristorante legato alla famiglia, fondato da papà Vittorio e attualmente gestito dai 5 fratelli.
  • What’s your wine of the week: Siamo stati sponsorizzati da Allegrini, una casa vitivinicola veneta molto importante con cui siamo fieri di collaborare. La gamma dei vini che abbiamo scelto per questo evento oltre ad essere stati un’ottimo abbinamento al nostro buffè, ha soddisfatto i palati dei nostri clienti. Sono vini schietti, puliti e freschi: Poggio dei Cipressi Prosecco, Allegrini Soave, il celebre Allegrini Palazzo della Torre e un Brunello di Montalcino prodotto dall’azienda San Polo di proprietà della Famiglia Allegrini.  San Polo Brunello di Montalcino 2009 ha fatto da padrone durante questo evento, è un vino relativamente giovane,  strutturato, rotondo e molto fine. Si sposa bene con i nostri piatti ed è ottimo per accompagnare un pranzo di lavoro, come in questa occasione della fiera.
  • Where: Ci troviamo alla Fortezza da Basso a Firenze, in occasione di Pitti Uomo, abbiamo la fortuna di fare parte di questo evento da otto anni, sia d’estate a giugno, che d’inverno in questo periodo. Sul piano attico del padiglione centrale, dove esibiscono le sue collezioni le aziende del gruppo Classico Italia, allestiamo Lounge Classico Italia, un catering dove tutti giorni serviamo circa 350-400 pasti e tutti giorni cambia la tipologia del menu.

English summary: Last week the 89th edition of Pitti Uomo took place. Fashion designers exhibited their new collections, buyers have planted an idea about the upcoming trends, distributors made new business contacts. As for me, I loved being lost in a crowd of stylish people. There were men mostly, showing off every detail of their wardrobes and taking pictures of the “best dressed” people. Then I had lunch at the Lounge Classico Italia situated in the fair’s central pavilion, offered by “Da Vittorio“, a three-star Michelin restaurant in Brusaporto, Bergamo. The Cerea family faced up this fashion event with style offering their guests an eqcuisite buffet paired with excellent wines from Allegrini, an important producer in Veneto. San Polo is Allegrini’s estate in Tuscany and it’s San Polo Brunello di Montalcino 2009 is a full bodied, rounded and elegant wine, a perfect pairing to most of the dishes of the buffet. Thank you Roberto and Francesco Cerea, it was my honor to meet you and to be your guest during this special event.

more pictures

Tarrah MacPherson / Castello Banfi Brunello di Montalcino 2010 / L’Enoteca Banfi

Qualche volta conoscenze casuali si trasformano in amicizia. Così è capitato con Tarrah: l’abbiamo incontrata in aereo ed è scattato subito un feeling. Tarrah è una sommelier, un amante del cibo e del vino italiano. E’ stata ospite a casa nostra, abbiamo girato cantine e ristoranti, cucinato e mangiato insieme ed alla fine abbiamo fatto anche un intervista per il mio blog.

tarrah macpherson, certified sommelier, canadian, banfi, enoteca banfi, castello banfi

  • Who: Mi chiamo Tarra MacPherson, sono canadese. Sono in Italia per vacanza e  alla scoperta di nuove esperienze, adoro il cibo ed il vino italiano. Sono ragioniera ma la vita mi ha portato in Inghilterra, la capitale mondiale dell’industria del vino e da lì è partito tutto. Tornata in Canada, sono diventata sommelier certificato e ho lavorato negli alberghi e ristoranti per quasi 15 anni. Gli ultili due anni ho gestito gli affari per Summerhill Pyramd Winery, la più grande cantina produttrice di vino organico in Canada. Credo fortemente che la natura e l’uomo devono lavorare insieme, dobbiamo proteggere il nostro pianeta, essere più “environment-friendly”.
  • Wine of the week: Dopo aver visitato la cantina di Castello Banfi ci siamo fermati all’enoteca per la degustazione. Tra le varie proposte abbiamo scelto un classico set: Rosso di Montalcino 2014, Brunello di Montalcino 2010 e Brunello di Montalcino Poggio alle Mura 2005 per confrontare tre espressioni di sangiovese. Non sempre durante le degustazioni c’è la possibilità di assaggiare un vino invecchiato 10 anni ed  ho apprezzato questa possibilità.  Il mio preferito tra i tre è Castello Banfi Brunello di Montalcino 2010, che è in commercio da quasi un anno, quindi ha subito due anni di affinamento in bottiglia. E’ un sangiovese molto caratteristico, affinato in stile tradizionale. Preferisco i vini come questo – basati sul terroir, quando il lavoro in vigna conta più del lavoro in cantina. In Nord America molto spesso le degustazioni avvengono molto velocemente, la quantità del vino nel bicchiere non permette di valutare bene le caratteristiche organolettiche del vino. Qua invece la degustazione può trasformarsi in un aperitivo accompagnato dai tipici salumi e formaggi,  un momento di relax dopo una lunga giornata.
  • Where: Molto probabilmente Castello Banfi è la più grande cantina dove io sono mai stata. Incredibile è la produzione di bottiglie all’anno: sono 10.000.000! In Canada abbiamo quasi 500 cantine e credo che non c’è ne sia una più grande di Banfi. La cantina è grande come lo è la loro reputazione: Banfi è molto popolare in Nord America. Non mi sorprende la quantità di persone che viene a visitare Catsello Banfi,  non solo per degustare i vini nella bellissima Enoteca Banfi, ma per immergersi in un contesto antico e pieno di magia come il bellissimo castello, ed allo stesso tempo moderno  come la cantina con soluzioni tecnologiche all’avanguardia .

English summary. Sometimes people you meet accidentally end up becoming really good friends. You find one thing in common and there is a click. Guess what was the common thing? The wine of course! Tarrah MacPherson is Canadian, her first trade is accountant but at some point she fell in love with the wine business, became a certified sommelier and has working experience in this industry for almost 15 years now. For the past two years she had been working at Summerhill Pyramid Winery, the largest organic winery in Canada. She is traveling through Italy right now and we had her as a guest at our house last weekend. I knew Castello Banfi winery is very famous in North America so I booked us in for a visit. Tarrah was amazed by the beautiful medieval castle, the sheer size of the facility, and found the hybrid stainless steel and wooden fermentation tanks very interesting.  After visiting the winery we had a tasting in the beautiful wine shop Enoteca Banfi, we tried three expressions of Sangiovese, the Montalcino’s flagship wines: Rosso di Montalcino 2014, Brunello di Montalcino 2010, Brunello di Montalcino Poggio alle Mura 2005. Tarrah’s favorite is the second one: Castello Banfi Brunello di Montalcino 2010, very characteristic Sangiovese wine, traditional style, based on the terroir and made to celebrate the grape. At the end of the day it was nice to sit down, relax, have a glass of wine and enjoy the beautiful room of Enoteca Banfi.

more photos

Giusy Calia / Ammiraglia Syrah 2011 / Tenuta Ammiraglia

Questo sabato ero ospite della Tenuta Ammiraglia, una straordinaria cantina della famiglia Frescobaldi costruita all’interno di una collina, inserita naturalmente nel paesaggio. La cantina, unica nel suo genere si trova praticamente all’area aperta, posizionata in modo tale che la luce del sole non sia mai diretta e capace di mantenere la temperatura costante, grazie al giardino pensile che fa da copertura. La tenuta, il paesaggio che la circonda, la vita rurale che si svolge intorno, lascia una profonda sensazione di pace. Un piacere è stato conoscere Giusy, responsabile dell’Hospitality e Pubbliche Relazioni sulla quale l’azienda punta tantissimo. La vasta gamma dei vini delle vari tenute dei Marchesi de’ Frescobaldi sono esposti nel negozio all’interno della cantina, perfetto per fare acquisti natalizi.

ammiraglia, tenuta ammiraglia,marchesi de frescobaldi, frescobaldi, famiglia frescobalti, vino rosso, visita cantina, maremma, maremma vino, maremma wine, red wine, wine, wine industry, wine cellar, winery, winery tuscany, cantina toscana, giusy calia

  • Who: Mi chiamo Giusy Calia, ho 32 anni , sono nata in Sardegna e all’età di 2 anni con i miei genitori ci trasferimmo a Montiano. Mi sento Toscana, ma ho sempre un forte legame con la mia terra natale che mi contraddistingue in tutto quello che faccio ed in tutto quello che sono. Da quasi cinque anni lavoro nella Tenuta Ammiraglia dei Marchesi Frescobaldi. Mi sono diplomata all’Istituto professionale per il turismo con specializzazione in Accoglienza nelle strutture ricettive, ma questa è la mia prima vera esperienza nel mondo del vino. E’ un settore che mi ha sempre affascinato, essendo amante del buon vino e del buon cibo in generale e grazie a questa grande famiglia mi sento cresciuta tantissimo sia a livello professionale che personale.
  • What’s your wine of the week: Ammiraglia Syrah, è il vino di punta dell’azienda, è un syrah in purezza maturato 24 mesi: 18 in barrique francese e gli ultimi 6 in americana, tutte barrique di primo passaggio. Ha un’impatto olfattivo di frutta matura quali ribes, prugna, mirtillo. Dopo l’ossigenazione, si apre e sprigiona la sua potenza con note spezziate, tabacco, cannella, cioccolato, pepe nero. E’ un vino persistente, avvolgente e vellutato in bocca. Ha un’anima mediterranea, rispecchia il territorio e si sposa benissimo con la cucina tradizionale toscana a base di carne, perfetto per esempio con il cinghiale alla cacciatora. Il primo anno di produzione dell’Ammiraglia Syrah è stato il 2006, il 2008 fu un’ottima annata arrivando al 2011 ad ottenere 92 punti assegnati da James Suckling. L’annata 2012 che uscirà a breve, ha già vinto il secondo premio Syrah du Monde, il prestigioso contest mondiale del syrah che si tiene in Francia tutti gli anni.
  • Where: La famiglia Frescobaldi è una delle famiglie più antiche nel mondo del vino, dedita alla produzione di prestigiosi vini da 30 generazioni. La storia inizia nei primi anni del 1300 nelle tenute di Nipozzano e Pomino. La Tenuta Ammiraglia è l’ultima nata tra le otto aziende toscane dei Marchesi de’ Frescobaldi. Costruita nel 2006 dall’architetto romano Piero Sartogo la cantina è estremamente tecnologica, innovativa e nello stesso tempo completamente integrata nel territorio creando un impatto ambientale pari a zero. Un’azienda fortemente voluta dal marchese Lamberto Frescobaldi che la considera il suo fiore all’occhiello.

English summary. Tenuta Ammiragliahe is the eighth and the most recent Tuscan winery of Marchesi de’ Frescobaldi. It was built in 2006 by the roman architect Piero Sartogo. He has managed to create a highly advanced winery in respect to the surrounding environment. It is literally built inside a hill and integrates completely into the landscape of Magliano in Toscana, the heart of Maremma in Tuscany. During the visit of the winery I was impressed by its peaceful atmosphere, everything seemed on the right place and working together harmoniously with the nature. By the end of the visit after feeling the immense hospitality, Giusy, the PR manager of the company, served us the estate’s flagship wine, Ammiraglia. It’s a 100% Syrah wine with a strong Mediterranean character and rich in fruity and spicy notes. Well balanced, full bodied and excellent with traditional Tuscan meat dishes. Ammiraglia 2011 has got 93 points from James Suckling while vintage 2012 has won the second price on Syrah du Monde contest in France. 

more pictures