Andrea Bressan / Miceli Shar Adonay / Locale

Il ristorante Locale si trova a Riga, nel cuore della vecchia città. Questo aprile ho avuto l’occasione di festeggiarci il mio compleanno ed è stato piacevolissimo. Siamo stati accolti con estrema cordialità, lo chef personalmente ci ha mostrato il locale e sopratutto la cucina. Tra i piatti miei preferiti – l’anatra con barbabietole, miele e formaggio di capra fresco. Mentre Andrea, lo chef, con cui ci siamo incontrati di nuovo per l’intervista, consiglia agli ospiti italiani di assaggiare il pesce locale: trota di mare marinata e arringa salata.

ristorante italiano riga, italian restaurant riga, locale restaurant riga, andrea bressan, chef, italian chef, restorans locale

  • Who: Mi chiamo Andrea Bressan, vengo dalla provincia di Varese, al confine con la  Svizzera. Mio padre mi ha trasmesso fin da piccolo la passione per la terra ed io, standoci  a stretto contatto, mi ha fatto accrescere una sensibilità particolare per il cibo. Prima di diventare chef, ho lavorato nei migliori ristoranti d’Italia, Francia e Germania. Poi mi sono trasferito a Mosca, pensando che fosse un’esperienza come tante, temporanea, ma sono rimasto lì per nove anni. Ora mi trovo in Lettonia dove con il mio socio Ruben Panasyan abbiamo aperto il ristorante Locale. 
  • What’s your wine of the week:  Nel nostro ristorante abbiamo una vasta carta di vini provenienti da tutto il mondo, ma cerchiamo spesso di promuovere quelli italiani. Miceli Shar Adonay  è un 100% chardonnay siciliano, aromatico e fruttato con un rapporto qualità prezzo molto buono. Vino universale, adatto a più portate, capace di accompagnare un pasto completo od un intero buffet con finger food da noi spesso praticato. Vedo che anche i nostri clienti  lo apprezzano.
  • Where: Ristorante Locale si trova nel centro storico di Riga. All’inizio siamo partiti con il concetto di lavorare solo con i prodotti locali, così è nato il nome del ristorante. Molto presto abbiamo riscontrato un problema,  qui i prodotti freschi a chilometro zero sono disponibili per un periodo di tempo molto limitato – dalla tarda primavera fino alla fine di settembre. Siamo stati costretti quindi di inserire anche prodotti d’importazione ma  comunque l’interesse per i prodotti stagionali locali è rimasto. Abbiamo più sale all’interno del locale con ambienti diversi, ma quella che ha più successo  è una chef room, dove facciamo show culinari, master class, e degustazioni a tema. 

English summary.  Please meet Andrea Bressan – the italian chef and the co-owner of the Locale restaurant situated in the Old Town of Riga. Passionate for food from the young age and curious for different cuisines he tried himself in different restaurants, some of the best in Italy, France and Germany. After nine years of making career in Moscow he moved to Riga, Latvia where with his partner Ruben Panasyan opened their own Locale. I’m in love with its elegant yet cosy atmosphere and especially with the chef room where the cooking demonstrations, master classes, wine and whisky testings are hosted.  Andrea eagers to use as much local and seasonal products as possible for his italian influenced menu. All time favorite and the most successful dish is Roasted duck with beetroots, honey and fresh goat cheese. As for the wine Andrea recommends sicilian Miceli Shar Adonay – 100% chardonnay wine, witch goes well with most dishes from the menu and has a great value for money. 

more pictures

Agnese Meiersone / Boizel Blanc de Blancs Chardonnay Brut / Vīna Studija

Per continuare con la serie dei post internazionali, è il momento di andare a Riga, la mia città natale. Riga che cambia, cresce e sicuramente ama il vino. Sono molto lieta di presentarvi  Agnese Meiersone – un capo sommelier di Vīna Studija – una catena di enoteche e ristoranti più influenti nel mercato del vino della capitale lettone. A mio parere sono stati proprio loro a contribuire a diffondere la cultura di bere vino, a coinvolgere e ad educare un cliente, organizzando scuole, degustazioni e promozioni locali.

agnese meiersone, vina studija, vina studija gertrudes, vina studija stabu, vina studija riga, riga, wine bar riga, wine riga, vino riga, enoteca riga, wine shop, wine shop riga,

Who: Agnese Meiersone. Mi sono avvicinata al mondo del vino all’età di 18 anni, studiavo e lavoravo come cameriera in uno dei primi wine bar di Riga. Una volta un collega mi ha convinto di partecipare al concorso  del miglior sommelier dei Paesi Baltici ed è stato un disastro. Da lì ho capito che c’è sempre da imparare tante cose, così mi sono iscritta al Wine & Spirit Education Trust. Attualmente sto facendo il quarto livello, ogni 3 mesi vado a Londra per fare gli esami e continuo a partecipare ai concorsi che sicuramente ora vanno molto meglio!

What’s your wine of the week: Per un po’ di tempo non eravamo sicuri di introdurre champagne nella carta dei vini, non sapevamo se i nostri clienti potessero apprezzarlo, distinguere il metodo classico dal metodo charmat e soprattutto se fossero disposti a spendere per acquistarlo un po’ di soldi in più. Boizel è il primo champagne che abbiamo inserito nella carta. Boizel Chardonnay Brut è uno dei miei preferiti blanc de blanc champagne. Paragonerei questo bollicine a una bella ragazza di campagna aqua e sapone, i suoi difetti sono i suoi pregi e la sua autenticità è un oggetto di orgoglio. Nonostante i nostri dubbi, gli champagne vanno benissimo. Ora abbiamo 7 champagne nella lista, ma Boizel per me, rimane sempre il mio preferito.

Where: Vīna Studija, Riga.  L’idea di aprire un ristorante è nata qualche tempo fa, dopo i numerosi viaggi in Europa. I proprietari si sono innamorati della cultura del cibo e della ristorazione in genere. L’idea era quella di aprire una enoteca – wine bar a Riga. A quell’epoca la Lettonia era ancora parecchio indietro. Dieci anni fa la gente sapeva poco del vino, beveva solo vini giorgiani, ora la situazione è cambiata i clienti ci richiedono certi uvaggi, regioni, zone. Se prima esisteva solo vino rosso o bianco, secco o dolce, ora cercano giustamente l’abbinamento corretto col cibo. Quando abbiamo acquistato le prime casse di vino, pensavamo che se il nostro sogno non fosse andato bene, di regalare a Natele ai nostri collaboratori  ed amici l’invenduto. Ma fortunatamente il progetto quest’anno festeggia il suo settimo compleanno. A Riga abbiamo 4 negozi, tra cui due sono anche ristoranti, e ulteriori due punti vendita a Liepaja (terza città più grande della Lettonia). Amo il mio lavoro, siamo tutti una grande famiglia con i miei colleghi… Il vino unisce tutti.

English summary. I’m so exited because today i start a series of posts dedicated to Riga, my native city. We are going to explore its wine market, preferences and trendy places. My first post is about Vīna Studija – the biggest and the most influential chain of wine shops and restaurants in Riga and Liepaja (third biggest city of Latvija). Seven years ago local people didn’t know much about wine, but situation has changed dramatically  when Vīna Studia opened. Company involve clients and instill the wine culture by organizing wine school, themed testings and various promotions. Everyone seems crazy about wine! People now are inclinable to spend more and often prefer classic method sparkling wines. Agnese Meiersone, a head sommelier of the company revealed her favorite champagne: Boizel Blanc de Blancs Chardonnay Brut – such a countryside girl with no makeup but who’s natural beauty attracts and stays in mind. 

more pictures

Emanuele Modica / Cantine Dei – Vino Nobile di Montepulciano D.O.C.G. Riserva Bossona / Piazza del Vino

Sfogliando una rivista sono stata conquistata da una pubblicità che descriveva un ristorante fiorentino completamente dedicato alla cultura del vino prettamente italiano ma con un’atmosfera tipica newyorchese. La curiosità di questo locale è quella di offrire il servizio di wine storage difficilmente riscontrabile in Italia che da la possibilità di affittare celle per conservare le proprie bottiglie. In più prometteva un menu suddiviso in regioni, con i vini provenienti da tutta Italia. Un concept unico e originale che i wine lovers non possono mancare.

piazza del vino, cantine dei, montepulciano

  • Who: Mi chiamo Emanuele Modica, sono entrato nel mondo del vino 8 anni fa quando è nato questo locale. Lavorando con i produttori e rappresentanti e scaricando infinite scatole di vini al giorno, ho iniziato di conoscere le etichette e degustare i vini uno per uno. E’ un mondo affascinante, vedo tutte le sere come una bottiglia di vino può cambiare la serata ai nostri clienti, come un primo incontro può trasformarsi in qualcosa più grande e più promettente. Il bello del nostro lavoro e sapere proporre il vino adatto ad ogni occasione.
  • What’s your wine of the week: Offriamo ai nostri clienti una possibilità di  stabilire un contatto diretto con i produttori, spesso gli incontri e le degustazioni guidate avvengono presso il nostro locale e qualche volta organizziamo delle uscite in piccoli gruppi per andare a visitare le cantine. Qualche mese fa abbiamo visitato Cantine Dei – una delle cantine più belle che abbia mai visto. Il fondatore di questa azienda è un noto estrattore di travertino e quindi la cantina è fatta di questa pietra bellissima. I loro vini sono uno più buono dell’altro. Io ho scelto il loro vino d’eccellenza  – Cantine Dei – Vino Nobile di Montepulciano D.O.C.G. Riserva Bossona – 100 % sangiovese, 36 mesi di affinamento in tonneau e 12 in bottiglia, un vino che richiama il territorio. La “Bossona” è un vigneto  di circa 3 ettari, la produzione è molto piccola per questo vino di grande impatto. Se porto a casa una bottiglia di vino, 9 su 10 porto questa.
  • Where: Ristorante Piazza del Vino è nato per volere di due soci che hanno diversi ristoranti a Firenze. Questo ristorante tappezzato da migliaia di bottiglie oltre a dare al locale un look originale, funge anche da deposito e centro di distribuzione per gli altri ristoranti. Con l’intento di creare  un ambiente moderno, i locali che ospitavano la vecchia mensa universitaria, sono stati trasformati in modo tale da mettere in completa evidenza le circa 35000  bottiglie. La carta dei vini è costantemente aggiornata comprendendo comunque circa 1000 etichette e 200 produttori. Per la maggior parte lavoriamo con vini italiani e anche la cucina propone piatti tipici di varie regioni d’Italia.

English summary. I couldn’t miss the Piazza del Vino restaurant  because of it’s original concept, interior decor, choice of regional italian wines and food. Emanuele Modica, a manager of the place, revealed it’s favorite wine: Cantine Dei – Vino Nobile di Montepulciano D.O.C.G. Riserva Bossona – 100 % Sangiovese, refined 36 months  in tonneaux and for 12 month in the bottle. Bossona is a cru, a small vineyard where the grapes for this wine are coming from. A real gem of the land of Montepulciano.

more pictures

Iana Nekrassova / Casale Mattia Frascati DOC Terre Laviche / Cul de Sac

Un paio di settimane fa ho trascorso un weekend a Roma. Adoro visitare di tanto in tanto questa città sempre dinamica, intrigante ed in grado di farti scoprire sempre qualcosa di nuovo. Questa volta ho scoperto una curiosa storia sulla statua “parlante” Pasquino di origine ellenica. Fu ritrovata nel 1501 durante i lavori di sistemazione di pavimentazione della piazzetta. Si decise di posizionarla all’angolo del palazzo adiacente e molto presto, per un motivo sconosciuto, la gente iniziò ad appenderci versi anonimi per sparlare e ironizzare i personaggi pubblici più importanti del momento compreso i Papi. Nonostante i vari tentativi di “fare tacere” (per ovvi motivi) il Pasquino, la statua e sopravvissuta fino ai nostri giorni. Restaurata è posta su un piedistallo per simbolizzare la libertà di parola.  Ringrazio Iana che mi ha fissato l’incontro proprio qui, in questa piazza storica della città.

  • Who? Iana Nekrassova, nel 2002 ho lasciato San Pietroburgo e mi sono trasferita a Roma. Credo che nella vita passata fossi un’italiana perché mi trovo molto bene in questo paese. Dopo una carriera nel mondo della moda ho deciso di dedicarmi alla città in cui vivo e che amo profondamente, così è nato il mio blog www.romeinsider.it, dove racconto di Roma, la città che non smette mai di stupirmi, dei suoi abitanti, dei loro mestieri e delle loro passioni.
  • What’s your wine of the week? Casale Mattia Frascati Terre Laviche – è un vino DOC del Lazio, prodotto da un’azienda molto interessante e una delle più rappresentative della zona. I loro vigneti sono situati nelle colline vulcaniche e sono coltivati con metodo biologico. Frascati Terre Laviche è un blend di: Malvasia di Candia, Malvasia Bianca, Trebbiano, Bombino, Bello e altri vitigni, un vino secco ma rotondo, profumato, con una buona struttura e persistenza.
  •  Where? Ci troviamo in una storica enoteca romana Cul de Sac aperta dal 1977 e a quell’epoca era uno dei primi wine bar della capitale. Il locale offre da sempre una vastissima scelta dei vini (1500 etichette) e la cucina multietnica. Il curioso nome “Cul de Sac” in francese significa “una strada senza uscita”, in realtà il locale è stretto e lungo, quasi come un vicolo cieco.

English Summary. I’m very glad to introduce you to my good friend Iana Nekrassova, she is russian but has lived in Rome since 2002. She knows the city like the back of her hand. (please visit Ianas blog about the ancient city and its inhabitants www.romeinsider.it). During my last visit in Rome we met in Piazza Pasquino in the historical wine bar Cul de Sac just in front of the “talking” statue of Rome where we had a light lunch with a glass of Casale Mattia Frascati DOC Terre Laviche – a blend of Malvasia di Candia, Malvasia Bianca, Trebbiano, Bombino, Bello and other local grapes. 

more pictures

Simone della Mora / Moris Farms – Montereggio di Massa Marittima DOC -Santa Chiara / Golf Beach Punta Ala

In una calda sera d’estate sono stata invitata ad un private party per festeggiare il compleanno di un caro amico. Immaginatevi la terrazza con vista mare, musica dj, squisito buffet, un bicchiere di vino in mano e in conclusione il tramonto più bello di tutta l’estate… Sono cose che ti rimangano nel cuore e ti riscaldano l’anima per tutto l’inverno a seguire. Grazie Simone per la serata fantastica e Buon Compleanno di nuovo!

simone della mora, golg beach club punta ala

  • Who? Mi chiamo Simone Della Mora, sono un agente immobiliare ma ultimamente preferisco lavorare come interior designer e più in generale sevizi di manutenzione ad immobili di pregio essendo un lavoro più creativo.
  • What’s your wine of the week? Moris Farms – Montereggio di Massa Marittima DOC -Santa Chiara. Sono nato e cresciuto in Maremma, ho sempre amato gustare i sapori di altri paesi ed apprezzare i loro vini, ma poi, inevitabilmente tornando a casa ritrovi il tuo mondo in un bicchiere di vino della mia Maremma, come Moris Farms Santa Chiara fatto da vitigni autoctoni (trebbiano, malvasia, ansonica), in grado di raccontare la nostra terra e le nostre radici.
  • Where? Golf Beach Punta Ala. Il beach club, bar e ristorante situato sulla bellissima spiaggia di Punta Ala. Cucina raffinata ma semplice, ambiente chic ma alla mano – un vero must per quest’estate!

English Summary.  Some weeks ago Simone Della Mora a good friend of mine held a birthday party at the Golf Beach Club Punta Ala: beautiful terrace with the sea view, friends, live music,  Moris Farms – Montereggio di Massa Marittima DOC -Santa Chiara wine and the most beautiful sunset ever. We love summer for these fantastic moments. Why could’t it last forever?

more pictures

Manuel Poveda/ Compania de Vinos Tricò, Albariño 2011/ Barraca

Credo che non ci sia un turista a Barcellona che non abbia mangiato la paella. Infatti non è necessario andare a Valencia per trovare la paella buona, basta di non fidarsi dei posti troppo turistici. Noi abbiamo fatto una piccola ricerca su internet per trovare un posto giusto e siamo stati appagati con una autentica paella – profumata, ricca e abbrustolita al punto giusto. Pure il vino è stato all’altezza – Manuel – il mio prossimo ospite sa consigliare!

  • Who? Mi chiamo Manuel Poveda e vengo dalla Galizia. Sono laureato in agricoltura e  scienze ambientali. Ho avuto un’esperienza di lavoro presso una azienda vitivinicola, ma tre mesi fa ho deciso di trasferirmi a Barcellona e ora lavoro come cameriere nel ristorante Barraca a Barceloneta.
  • Whats your wine of the week? Compania de Vinos Tricò, Albariño 2011, prodotto nella zona D.O. Rias Baixas (Galizia) situata sulle coste di Oceano Atlantico e particolarmente vocata per i vini bianchi. Albariño è un vitigno che da il meglio di se in questo territorio donando al vino un’eccezionale mineralità e profumi floreali e fruttati molto intensi. Si abbina benissimo ai frutti di mare, crostacei e la cucina marinara in genere.
  • Where? Ristorante Barraca, si trova a Barceloneta, quartiere marinaro di Barcellona. Le nostre specialità sono la paella e il pesce.

English summary. There is no need to go to Valencia to try a good paella. Barcelona is full of good seafood restaurants, just remember to stay away from the touristic route and make some research first. We found our perfect paella in Barraca, a restaurant near the beach in Barcelona’s Barceloneta district. Manuel Poveda, the waiter of the place helped us with the wine – Compania de Vinos Tricò Albariño from the Rias Baixas (Galicia) which goes well with all the seafood and even better with the paella!

more pictures

Elenatuscany / Ca’ Marcanda Vistamare / Fiumara

Ciao a tutti! Prima di winetervistare i personaggi più interessanti che mi è capitato di conoscere vorrei mettere alla prova me stessa: risponderò alle tre domande di wineterview.

  • Who? Mi chiamo Elena e sono l’autrice di wineterview – un blog dedicato alle persone, al vino e alla buona ristorazione. Attraverso questo blog conosceremo la gente appassionata, ci avvicineremo al mondo del vino, visiteremo le enoteche, i ristoranti e le cantine, tutto questo bevendo un buon bicchiere di vino. La zona da esplorare è la Maremma, la Toscana e l’Italia ma nulla vieta una volta ogni tanto spostarsi dall’altra parte del mondo per conoscere la gente e le usanze del posto.
  • What’s your wine of the week? Per festeggiare l’arrivo dell’estate ho scelto Ca’ Marcanda Vistamare 2012, mi ha incuriosito il blend Vermentino, Chardonnay, Sauvignon blanc e Viognier. Il vino è molto profumato, fresco, avvolgente e si sposa bene con il tramonto, la spiaggia e il vento salino del mare.
  • Where? Fiumara, Marina di Grosseto. Non ho dovuto pensare tanto dove fare la mia prima intervista, perché apro sempre la stagione estiva in questo ristorante e oggi sono ancora più contenta di farlo perché lancio Wineterview e posso condividere questi momenti magici anche con voi!

English summary. Hi, my name is Elena and this is my first post for the Wineterview – a blog about passionate people, exceptional wines and fine dining. We are going to explore Tuscany and Italy mostly but i’ll be glad to share with you my traveling experiences as well! I decided to wineterview myself first so you can see how this all works. As my first location I chose a restaurant in Marina di Grosseto called Fiumara – a perfect summer evening escape, where you can enjoy a beautiful sunset, a peaceful atmosphere and quality seafood. Even though there are more than 100 local and international wines on the list, I found the right wine for the occasion – Ca’ Marcanda Vistamare 2012 – not only because its name  appropriately translates to the “sea view” but because of the wine’s interesting blend  of Vermentino, Chardonnay, Sauvignon blanc and Viognier grapes. A very aromatic, fresh and intense wine that is perfect while watching the sunset and enjoying a summer evening by the sea.

more photos