Vaja Davitadze/ Marani Satsuri / Marani Hotel Batumi

Il popolo giorgiano è famoso per la sua ospitalità e accoglienza, feste e tavolate abbondanti durante i quali i brindisi ed il vino si uniscono nell’unico fiume che scorre e lascia lo spazio al sorriso, lunghe conversazioni, felicità e gioia dell’essere. Il vino ha un ruolo centrale nella ospitalità georgiana ma non è solo una bevanda alcolica con cui accompagnare le feste. E’ l’aspetto fondamentale della cultura e della storia del paese, una parte inseparabile dell’identità e della filosofia del popolo intero. Il vino è presente in tanti aspetti della vita quotidiana come religione, vari costumi, economia e addirittura la politica. Insomma è una bevanda sacra, come sono anche i “marani”, le cantine dove vanno sotterratte i kvevri e dove nasce il vino. Vaja Davitatze ha voluto costruire una dentro il suo albergo a Batumi, chissà quanto sono contenti i suoi ospiti!

  • Who: Sono Vaja Davitadze, nella mia vita ho fatto tanti mestieri nei diversi settori: dalla cultura alla politica. La viticoltura è stata da sempre la mia seconda professione perché il vino lo faceva già mio padre, prima ancora mio nonno, bisnonno ecc. In Georgia ci sono tantissimi piccoli produttori, quasi in ogni famiglia c’è una piccola cantina dove si produce vino per se e per gli amici. Nel nostro caso produciamo vino anche per i nostri ospiti che vengono a soggiornare nel nostro albergo Marani a Batumi, di cui sono il proprietario.
  • What’s your wine of the week: Il vino è una bevanda dell’amore, dell’amicizia, della saggezza, una bevanda che ci unisce e ci protegge. Sono felice, con l’aiuto del governo georgiano, di partecipare al programma di recupero di Satsuri (o Satsuravi) è un vitigno autoctono dimenticato nel tempo e quindi molto raro. Marani Hotel Satsuri è un vino prodotto in kvevri, ha una bella struttura, è ricco di profumi, intenso e fruttato in bocca.
  • Where: Cantina dell’Hotel Marani a Batumi. Il nostro albergo è operativo da 20 anni, mentre la cantina finita da pochissimo tempo, è la gioia della mia famiglia e dei nostri ospiti. Non è un’attrazione turistica, ma un vero e proprio laboratorio dove nasce il vino dall’uva proveniente dai vigneti che abbiamo fuori città. Nell’Adiaria montuosa coltiviamo i vitigni locali: tsolikouri, chhaveri e satsuri. A Kakheti invece, nella regione vitivinicola per eccellenza della Giorgia, coltiviamo saperavi, rkatsitelli e tavkveri. Proprio a Kakheti abbiamo prodotto un video che spiega e racconta il metodo tradizionale della produzione del vino kvevri che trovate alla fine di questo post.

English Summary. Georgians are famous for their hospitality. When I got to the abundantly served table for the first time, I thought I would never be able to stand up again. But the real danger was not the quantity of traditional dishes of all kinds, but the frequency of the toasting and glass refilling. Don’t underestimate the importance of wine for the Georgian lifestyle though… It is not just a party drink, it is crucial in everyday life and not forgetting aspects such as a religion, culture, history, national economics and even in politics. It is a sacred drink and “marani” (the wine cellars or the rooms where the qvevri vessels are stored) are extremely venerated. Vaja Davitadze has built his own marani in the ground floor of his hotel in Batumi, Georgia. His guests are happy to try all kinds of wine and to learn how is it made. I tried Hotel Marani Satsuri, an intense qvevri wine made from an ancient, autochthonous satsuri grape, which is now regaining its popularity.

IMG_7457IMG_7463IMG_7465

IMG_7580
Khinkali are georgian dumplings staffed with meat and spices. The filling is very juicy so you need to drink the broth first and then eat everything else.
IMG_7583
Local wine competition award

IMG_7577IMG_7506IMG_7575IMG_7574IMG_7546IMG_7544IMG_7563

IMG_7559
Qvevri section

IMG_7551IMG_7508

IMG_7518
Buried qvevris

IMG_7543IMG_7523IMG_7503

IMG_7485
Scoop made from squash

IMG_7514IMG_7473 IMG_7498IMG_7488IMG_7553IMG_7528IMG_7525IMG_7573

Watch the video directed by Vaja to learn more about traditional georgian wine making.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...